Menu Orizzontale

mercoledì 4 novembre 2009

Patrick Suskind - Il Profumo



Cari amici, oggi sono decisamente più serena rispetto a ieri (nonostante un velo di tristezza continui ad ottenebrarmi i pensieri). Il libro che ho scelto per la recensione di oggi è IL PROFUMO di PATRICK SUSKIND. Un romanzo che è stato al centro di varie polemiche (positive e non) e che ha subito fornito materia su cui argomentare. La storia affascinante del giovane protagonista con l'olfatto sopraffino cattura il lettore dalle prime pagine e lo trascina in un mondo di essenza, profumi inebrianti e odori che fanno arricciare il naso; l'amore, trasformato poi in ossessione, di Jean-Baptiste Grenouille per l'universo degli odori lo porta a macchiarsi di crimini sanguinosi, lo porta a diventare un vero e proprio assassino reso folle dal proprio desiderio di creare la fragranza perfetta. Quella sublime e inimitabile. Un romanzo mozzafiato che lascia interdetti di fronte al finale truce e brutale, che fa sussultare di fronte alle meravigliose parole spese per descrivere i personaggi e le ambientazioni, che entusiasma e appaga. Un romanzo imperdibile, a mio modesto parere.
Alla prossima, amici!

Anita Book

2 commenti:

Smilla* ha detto...

ottima scelta! veramente da sempre uno dei miei libri preferiti.. la forza di Suskin di richiamare gli odori con le parole è inquetante. ricordo ancora tutta la prima descrizione degli odori di Parigi e del mercato del pesce: il puzzo che richiamava alla mente sembrava davvero di sentirlo.
un grande libro, dotato di una forza incredibile.. purtroppo, come dici te, troppo poco conosciuto.

anche il film cmq non è male, devo dire che mi è piaciuto molto, anche perchè si tiene molto fedele all' opera originale. soprattutto la parte tecnica che riesce, con ottimi giochi di colori ed atmosfere, a ricreare gli odori. purtroppo però questa bella tecnica va un po' a discapito del sentimento della storia che soprattutto sul finale, al contrario dle libro, sembra quasi un po' asettico.

ps. bellissimo il tuo sfogo sul fatto che la gente non legge più. mi trovi completamente daccordo.

AnitaBook ha detto...

@Smilla: grazie mille, cara!^^