Menu Orizzontale

lunedì 27 gennaio 2020

📚THE NERD DAILY BOOK CHALLENGE (52 libri da leggere!)😱

Vi succede mai di perdere completamente la testa – così, di punto in bianco – e di buttarvi in imprese assurde convinti di avere le capacità, i requisiti, l'equilibrio mentale – soprattutto quello – per portarla a termine, ma in fondo consapevoli di non possedere speranza alcuna?
A me molto spesso. Questa puntata ne è un esempio.
Ditemi che vi unirete alla follia.

mercoledì 22 gennaio 2020

LIBRI TOP DEL 2019

Buon pomeriggio amici lettori.
In questa puntata, le letture belle bellissime che mi hanno fatto compagnia nel corso dell'anno appena passato. L'ultima della festa, ma meglio tardi che mai.

mercoledì 15 gennaio 2020

AD ALTA VOCE | “Un silenzio in tre parti”→ 🍃Il Nome del Vento🍃 di Patrick Rothfuss

Buon pomeriggio amici lettori.
Non registravo un'audiolettura da un bel po’ (forse mesi). Beh, mi mancava.
Ho pensato di rimediare cimentandomi con Rothfuss e il prologo de Il Nome del Vento. Un esperimento breve ma distensivo, meglio addirittura di una sessione di meditazione.
Con l'augurio che possa regalarvi una momento di piacevole relax.

martedì 7 gennaio 2020

Greta Thunberg ma anche Joaquin Phoenix.

Purtroppo no, non dirò nulla su Greta Thunberg.
Suvvia, non guardarmi così. La mia è una posizione piuttosto controversa e non voglio rovinarti la cena. Magari ne discuteremo in un altro articolo. Prima o poi.
Ti parlo di Joaquin Phoenix, invece. Ieri, lunedì 6 gennaio, ha vinto il Golden Globe come miglior attore in un film drammatico. Una vittoria profetata, eppure travolgente. È Joker, forse il più bel film della storia del cinema degli ultimi dieci anni (pure venti), ma esiliando questa informazione in un angolino — solo gli istanti necessari — ti accorgeresti che in realtà è la persona a essere premiata, il talento, il valore intrinseco di Joaquin (persino l'evidente imbarazzo e le parolacce pronunciate e censurate). Un uomo che non ama vantarsi del successo conquistato e che se ne serve, anzi, per portare avanti battaglie etiche, in solidale fratellanza con una porzione di mondo sempre più chiassosa, in lotta per la difesa della causa animale/ambientale e la distruzione della dilagante ipocrisia che ha disattivato il buon senso. Te lo propongo di seguito.



sabato 4 gennaio 2020

🤓 📚 WHAT'S NEXT | GENNAIO ❄

Proprio come recita il titolo, questa è una rubrica che troverete ogni primo venerdì di mese con una carrellata di novità in arrivo. Per ovvie ragioni, non sarò riuscita a includere tutto. Migliorerò le ricerche — estendendole, per esempio, all'editoria indipendente — e amplierò le portate del menù. Come puntata pilota, però, sono tanto soddisfatta.
Con quale lettura avete inaugurato l'anno nuovo?

giovedì 2 gennaio 2020

Happy Sci-birthday, Mr. Asimov!


Con tutto il rispetto per James Joyce, oggi Isaac Asimov avrebbe compiuto 100 anni — o forse 100.000, chi può dirlo. Non era sua la teoria della simulazione dei mondi?
La fantascienza, con tutti i suoi affluenti, è una materia che mi sono ripromessa di approfondire in questo 2020 appena cominciato. Insieme alla fantastica, si intende.
Non perché voglia trasformarmi in una purista del genere — mi salgono sempre i brividi a pronunciare quella parolina lì — quanto piuttosto perché ho voglia di mettermi in viaggio e sfidare l'ignoto delle galassie più sperdute, a bordo di un'astronave o di un unicorno-ologramma — che sarebbe assai più divertente.
Qualche giorno fa la Oscar Vault Mondadori ha annunciato la pubblicazione di un'edizione titan dell'intera saga della Fondazione. Il piano dell'opera comprenderà:
  • 1. Preludio alla Fondazione 
  • 2. Fondazione anno zero 
  • 3. Prima Fondazione 
  • 4. Fondazione e impero 
  • 5. Seconda Fondazione 
  • 6. L'orlo della Fondazione 
  • 7. Fondazione e Terra

martedì 31 dicembre 2019

Buon anno. Di nuovo. 😂

Prima dei saluti (o del discorso di commiato, come quello presidenziale).
Ho saltato la condivisione di ben due puntate.
Rimedio.





Oggi ne sarebbe dovuta uscire un'altra, poi ho cambiato idea.
Ho deciso di rispettare l'istinto, persino nei suoi stati più volubili e sfuggenti. In fondo, elencarvi i 10 libri più belli del 2019 non era quello che avevo voglia di dirvi veramente.
Restituite dignità al vostro tempo, a quello che credete perduto e a quello che ancora non possedete perché chiamate futuro; non esiste alcun futuro, è un diavoleria della mente, una scansione del tutto infondata. Ciò che conta è la qualità del vostro presente.
Buttatevi nelle occasioni che la vita vi offre. Osate. Sperimentate nuove versioni di voi stessi, anche se significa deviare dal percorso comune — il più accettato e popolare — e addentrarvi in un bosco fitto di incertezza. Celebrate la vostra unicità, resistete al terrore di non farcela, di non piacere abbastanza, di non aderire alla marcia precipitosa del progresso.
Se potete scegliere tra un pomeriggio intero trascorso a fissare lo schermo di uno smartphone o uscire con il vostro cane per una passeggiata, preferite sempre il contatto con il mondo.
Non rinunciate in partenza a un progetto, un'idea, un sogno. Coltivateli, difendeteli, con perseveranza, fiducia, dedizione, reciproca lealtà. Amore. Non permettete al giudizio di intaccarli, ferirli, affievolirne la luce o l'intensità.
Quest'anno è successo, e ho quasi rischiato di perdere tutto, di annullarmi. È il peggio che possa capitare, un destino subdolo e mistificatore che forse è già tuo e nemmeno lo sai.
Leggete, mai per un "dovere social" quanto piuttosto per desiderio personale. Non separate i libri buoni da quelli meno buoni. Se avete voglia di una commedia, procuratevi un paio d'ore di risate. Che sia alta letteratura o meno, chi lo stabilisce? E cosa importa? Hesse afferma che la biblioteca di un lettore deve essere a misura del lettore, appunto, nella singolarità dei suoi interessi e dei suoi gusti e non conforme ai canoni di quelli collettivi.
Liberatevi dalle dipendenze, specie quelle che ledono l'autonomia del vostro pensiero e infieriscono sull'equilibrio del vostro stato d'animo. Non è necessario che corriate agli stessi ritmi della tecnologia. Anzi, rallentate. Prendete un respiro. Difficile — impossibile — all'inizio? Niente paura, vi assicuro che giorno dopo giorno diventa un'abitudine.
E siate umani (grazie Matt Haig). Più che potete.