Menu Orizzontale

lunedì 6 settembre 2010

Avvistamenti: Angelology di Danielle Trussoni



Probabilmente molti di voi ne avranno già sentito parlare, ma io l'ho scoperto soltanto ieri e sono troppo entusiasta. Si tratta di un romanzo che, a mio parere, arriverà presto in Italia (visto che ne stanno facendo un film e che l'autrice è stata già definita "la nuova Dan Brown") e che farà discutere parecchio. Un libro che, senza esitazioni, finisce nella mia lista desideri. Diventerà un chiodo fisso, lo so. Vediamo di scoprire qualcosa di più...





The Nephilim were on the earth in those days Genesis 6:4. When Sister Evangeline finds mysterious correspondence between Mother Innocenta of the Saint Rose Convent and legendary philanthropist Abigail Rockefeller, it confirms Angels walked among us - and their descendants, the cruel Nephilim, still do. Indeed, the Nephilim are hunting for artefacts concealed by Abigail Rockefeller during the Second World War - objects that will ultimately allow them to enslave mankind - and have so far been prevented from reaching their apocalyptic goal by one, clandestine organisation: The Angelology Society. And if the Angelologists are to stand any chance of winning this new battle in the ages-old war, they must find the artefacts first. But their fate rests in the hands of innocent Sister Evangeline, who holds the key to unlocking Abigail Rockefeller's hiding places ...and whose own destiny may yet find her prey to the terrifying Nephilim army, with horrifying consequences for humanity.
Se i vampiri ci hanno stancato, ecco che gli angeli sono pronti a spiegare le ali. Nelle nostre librerie già spuntano romanzi dedicati a queste creature celesti che, chi più chi meno, hanno saputo avvicinare e appassionare lettori di tutto il mondo. Ma, come si dice, il bello deve ancora venire. Chissà quale casa editrice si è accaparrata i diritti di traduzione di questo appetitoso bocconcino di 800 pagine (versione hardback), primo di una trilogia che profuma già di successo. In rete è possibile trovare articoli pubblicati su rinomate riviste italiane dove Danielle Trussoni ha risposto alle domande dei giornalisti curiosi, lasciando sempre cadere quel velo sottile di ombre e trasparenze, per accrescere il desiderio di leggere il libro. In Angelology ci sono riferimenti ai vangeli apocrifi e ai miti religiosi dei Nefilim (veri protagonisti della storia): angeli giganti, di animo malvagio, che erano soliti accoppiarsi con comuni mortali. Le vicende coinvolgono anche una donna, Sorella Evangeline, che si metterà in serio pericolo pur di ritrovare in tempo un artefatto che minaccia di scatenare l'Apocalisse. Ma è l'autrice stessa a rivelarci alcuni dei segreti del romanzo in un'intervista rilasciata su Grazia:



Come mai un romanzo sugli angeli?
«Sono cattolica, ho studiato dalle suore e la mia prozia Drusilla è monaca in un convento a La Crosse. Volevo scrivere un thriller religioso perché sono sempre stata attratta dall’intreccio tra fede, storia e miti. Così ho cominciato a frequentare il convento di La Crosse, lì ho scoperto molti libri sugli angeli e me ne sono innamorata».

I suoi però sono angeli speciali: i Nefilim. Ce li descrive?
«Li cita la Genesi, nella Bibbia, definendoli “giganti” frutto dell’accoppiamento fra angeli scesi sulla Terra e donne umane. Sono ibridi misteriosi. Mi sono chiesta dove siano finiti e nel romanzo li faccio riscoprire a New York».

Li ha resi protagonisti del Male: perché?
«Anche nella Bibbia sono cattivi, angeli caduti. Lo stereotipo dei cherubini buoni non mi interessava, volevo indagare il loro lato oscuro».

Anche suo marito ha avuto un ruolo nell’ispirarla?
«Sì, mi ha fatto conoscere la Gola del Diavolo, una caverna nelle montagne bulgare che, secondo la leggenda, è l’ingresso nel mondo sotterraneo dove Orfeo scese per salvare Euridice, un mito che volevo usare nel mio libro. Ci sono riuscita intrecciandolo ai Nefilim».

Quanto ha impiegato a scrivere il suo libro?
«Quattro anni, fra la ricerca e le varie stesure. Mi sono divertita moltissimo, volevo qualcosa di completamente diverso dalla mia vita reale».



Will Smith ne vuole fare una versione cinematografica (il ragazzo ha fiuto), quindi potremmo realmente parlare di caso editoriale, senza esagerazioni. Mi piacerebbe poter domandare all'autrice una breve videointervista, anche se in questo periodo, essendo alle prese con il secondo volume della trilogia, sarà difficile ottenere una risposta positiva. Tuttavia, tentar non nuoce. E voi, cosa ne pensate? Vi lascereste tentare?


Anita

5 commenti:

Gloutchov ha detto...

Mi ricorda "Melodia", di Daniele Bonfanti (edizioni XII). Sicuramente le trame si discostano ma... ci sono delle idee comuni.

Keira ha detto...

Anita!!!Ma questo libro è fantastico!Speriamo che venga pubblicato anche qui da noi!

Debora ha detto...

ciao anita se ti può interessare c'è una mini serie televisiva di 3 puntate che si chiama fallen-angeli caduti, che parla dei nefilim e come attore c'è quello che ha interpretato stefan nel diario del vampiro!!!

Anonimo ha detto...

Mi ispira, mi ispira! ^_^

Ayesha

katia860 ha detto...

Da quello che sono riuscita a tradurre della trama sembra interessante... chissà quando esce...
P.S.Non che sia spettacolare ma comunque Fallen è da vedere :)