Menu Orizzontale

mercoledì 6 ottobre 2010

Elena P. Melodia - Buio (My Land)

Untitled from Anita Book on Vimeo.


Videorecensione del giorno dedicata al primo capitolo della trilogia My Land, di Elena P. Melodia. Buio, questo il titolo. Pubblicata dalla Fazi Editore, inserita nella collana Lain, questa saga dai connotati urban fantasy, thriller e paranormal, ha tutte le carte in regola per piacere e soddisfare il lettore. Ho apprezzato tantissimo lo stile narrativo dell'autrice (che mi ha ricordato quello della Palazzolo): secco, immediato, visivo. Solo in alcuni momenti ho avvertito un leggero rallentamento del ritmo, per poi ritornare a correre, senza avere un attimo di tregua. Plot originale, pieno di misteri e segreti, verità che verranno rivelate nei capitoli successivi. Una protagonista con gli artigli, arrabbiata, a tratti egocentrica e presuntuosa ma nel profondo assai sensibile e vulnerabile. Il 22 Ottobre, appuntamento in libreria con l'uscita del secondo volume, dal titolo Ombra. Da non perdere. Ma ne parleremo in un post specifico, più approfonditamente. Ora vi lascio alla videorecensione e...alla prossima!


Anita

3 commenti:

The Reader Duck ha detto...

L'ho letto non molto tempo fa e non sapevo dovesse uscire a breve il seguito.. devo dire che il primo non mia ha completamente entusiasmato, ma.. penso darò a Elena P. Melodia un'altra possibilità!

Laura ha detto...

Finalmente!Si vede che stai meglio...nel weekend dormi fino a tardi per riprenderti del tutto,avevo sentito parlare di questo libro ma non ho mai pensato di comprarlo,vedremo...
(continuo a fare puntini di sospensione...visto?!)

LadyAileen ha detto...

Viene definito il primo episodio di una trilogia Urban Fantasy ma sinceramente, a me, é sembrato un thriller/giallo paranormale con un pizzico di romanticismo.
Purtroppo il libro lascia molte domande senza risposta ed essendo il primo i comportamenti di alcuni personaggi saranno chiari solo a fine trilogia.
Il romanzo é uno Young Adult, ambientato ai giorni nostri, la protagonista é Alma, una diciassettenne bella, fredda, intelligente, frivola e un pò boriosa, che racconta in prima persona la propria storia.
A primo impatto, la ragazza é la tipica adolescente alle prese con i soliti problemi: familiari, scolastici, il gruppo di amiche di cui lei é la leader ma poi accade qualcosa e la storia si tinge di giallo e di mistero (strani omicidi stanno avvenendo in Città e che lei riesce a prevederli in anticipo).
All'inizio Alma non mi aveva colpito particolarmente, anzi, la trovavo un tantino antipatica poi però con il procedere della storia si é rivela molto diversa.
Lo stile dell'autrice é sicuramente scorrevole (sono riuscita a leggerlo in breve tempo), diretto, coinvolgente (forse l'inizio é un pò lento ma poi si risolleva), con la giusta dose di suspance e una buona descrizione dell'ambientazione. L'aspetto romantico é davvero molto marginale.
Il mondo adolescenziale é raccontato in modo più maturo e disincantato. L'autrice affronta tematiche difficili, come l'anoressia o le sette stataniche ma non solo (forse sono un pò troppe).
Proverò sicuramente anche il secondo.