Menu Orizzontale

sabato 29 gennaio 2011

In My Mailbox (29/01/2011)

Sabato è sinonimo di In My Mailbox! Il nostro appuntamento settimanale con la rubrica di derivazione americana (The Story Siren) più amata da noi blogger italiane. Si tratta di mostrare libresco rinvenuto nella nostra cassetta delle lettere durante questa sette giorni.

Per gentile concessione di Edizioni San Paolo, ho ricevuto l'atteso nuovo romanzo di Timotheè De Fombelle. Sto parlando di Vango - Tra cielo e terra, libro protagonista della nostra prossima videorecensione. Una lettura avvincente!

testo
Parigi 1935. Ai piedi della cattedrale di Notre-Dame, quaranta uomini distesi a terra sono in attesa di essere ordinati sacerdoti. Tra questi c’è Vango, diciannove anni, un passato avvolto nel mistero e un futuro altrettanto incerto, perché – un attimo prima che la cerimonia abbia inizio – la polizia fa il suo ingresso al sagrato della chiesa per arrestarlo.
Ma quale crimine ha commesso? Vango non lo sa e scappa arrampicandosi su per la facciata e le torri della cattedrale. La polizia però non è la sola ad interessarsi al ragazzo, c’è anche una giovane donna che segue con trepidazione la fuga, così come un uomo dall’aspetto losco che apre fuoco contro di lui. Vango, arrivato in cima alla chiesa, riesce a scappare grazie allo Graf Zeppelin del comandante Eckener, venuto a Parigi per seguire la sua ordinazione. Scampato all’arresto, il ragazzo prova a mettersi in contatto con il suo mentore, padre Jean, e scopre di essere accusato proprio dell’assassinio del sacerdote.
Chi trama alle spalle di Vango? Chi è Vango in realtà? Cresciuto nelle isole Eolie, dove era misteriosamente approdato a tre anni insieme alla sua nutrice, Mademoiselle, che lo ha amato come un figlio, proteggendolo dal suo stesso passato, le sue solo certezze sono il nome, Vango Romano, e un fazzoletto con ricamate una V dorata e la frase Combien royaumes…nous ignorent…
Attorno a Vango ruotano personaggi storici come Hugo Eckener, il capitano del Graf Zeppelin, e altri di fantasia come Zefiro, il monaco a capo del convento segreto dell’isola di Alicudi, o la Talpa, una ragazzina ebrea di buona famiglia che condivide con Vango il gusto per l’indipendenza e le notti all’aperto sui tetti di Parigi. Poi c’è Ethel, scozzese ricca, giovane e profondamente innamorata di lui. Per finire ci sono i nemici, terribili, spietati, uno per tutti: Stalin! Proprio lui: il dittatore sovietico in persona.



Dalla Mondadori, gentilissima, il nuovo capitolo della saga Evernight di Claudia Gray. Sto parlando di Hourglass, che non vedo l'ora di leggere!


testo
Bianca non è ancora un vampiro, ma è destinata a diventarlo. Lucas è l’erede di un’antica congrega di cacciatori di vampiri, la Croce Nera. Il loro amore impossibile è nato tra i corridoi di Evernight, un college esclusivo dove i vampiri imparano a confondersi meglio tra gli umani.
Per rimanere insieme a Lucas, Bianca è disposta a rinunciare alla propria famiglia e al proprio destino: finché non ucciderà nessun essere umano, infatti, la trasformazione non si compirà.

Ma il suo corpo inizia a bramare sangue, e la sete si fa sempre più insostenibile. Mentre la sua vera natura la reclama, anche qualcun altro è interessato alla ragazza: gli spettri che avevano stretto un patto con i genitori di Bianca per permetterne la nascita ora sono sulle sue tracce.








Per finire, Per finire, ho ricevuto una copia di Volevo essere un grande chef, il libro di racconti gastronomici di Loredana Limone. Grazie infinite!




testo"Un menu è buono da gustare. Ovvio. E da scrivere? Sì, anche. Perché ogni piatto - dall'antipasto al dolce - se potesse parlare avrebbe delle storie da raccontare. Come quelle narrate in questo libro che abbina racconti e ricette: un binomio gustosissimo. Si comincia con un negroni sbagliato e una bionda maliarda, e si finisce con un vassoio di cenci, come li chiamano i fiorentini, ma che in realtà sono (solo) le chiacchiere di una specie d'amore. Passando per un bel piatto di linguine alle vongole consumato con ingordigia alla faccia del fidanzato fedifrago, e uno pieno degli sfrigolanti involtini di una meritata cenetta d'addio. O da una profumata bouillabaisse, preludio di un cruento fatto di cronaca nera: vera. Verginità tardiva consumata con pesce spada alla griglia non può essere seguita che da una macedonia afrodisiaca. Ma prima qualche bicchiere: Vermentino bianco dai riflessi dorati o Rossese color rubino brillante per rigiocare a quel gioco di Bacco, proibito e mai dimenticato. E per rinfrescare il palato, un gelato. Al limone, naturalmente. Nomen omen. Perché l'autrice di questo insolito menu gastronomico aveva già bell'e segnato nel cognome il suo destino: occuparsi di cibo, con la freschezza della sua scrittura. E da grande sicuramente voleva essere un grande chef (ma con la penna non sa cucinare). 


Per questa settimana è tutto, ragazzi. E voi, cosa avete trovato?








6 commenti:

Markus ha detto...

Io ho ricevuto in regalo Angeli e Demoni di Dan Brown... so che è un pò vecchiotto ma lo desideravo tanto.. :D

Anonimo ha detto...

Non li ho ricevuti in regalo, ma li ho ordinati su Amazon e dopo dieci giorni nelle mia cassetta delle lettere ho trovato gli ultimi due libri della saga Hyperversum (ho letto il primo e te lo consiglio caldamente, e non vedo l'ora di leggere questi due)e "La versione di Barney".
Ciao bella a presto :)

Anonimo ha detto...

Mi sono dimenticata di firmarmi sono Simona ;p

Anonimo ha detto...

Hourglass l'ho appena finito di leggere... Questa saga mi appassiona. E quest'ultimo libro è davvero molto bello, anche se.... vedrai! :) Gli altri due promettono bene... Devo di nuovo fare una capatina in libreria! :D
Complimenti per questo bellissimo blog Anita... Da Lulù....:D

AnitaBook ha detto...

Però! Quanti bei libri anche per voi!

Tricheco ha detto...

Il libro Voglio essere un grande chef è veramente carino...lo ho lrtto un paio settimane fa :)