Menu Orizzontale

giovedì 24 marzo 2011

Carlos Ruiz Zafòn - L'Ombra del Vento

3 commenti:

Giuliana ha detto...

Le mie armi stanno scalpitando.... ti voglio bene, lo sai, ma stavolta devo dissentire. L'ho letto un po' di tempo fa, ma non lo ricordo così artificioso. Lo stile è carico di avvenimenti e forse anche di descrizioni però, per una come me che odia le descrizioni, in questo caso non mi hanno disturbato affatto. Mannaggia Any, speravo ti piacesse. :) dai fa niente, non si può essere d'accordo su tutto! :)

MaryG90 ha detto...

Non l'ho letto, ma bella recensione! E' sempre bello raccogliere opinioni diverse.

P.S. Premio Kreativ: http://ichliebelibri.blogspot.com/2011/03/kreativ-blogger-award.html

Girasonia76 ha detto...

Quando lo lessi, svariati anni fa (insomma appena uscì), ricordo che mi piacque molto. Poi, passato un po' di tempo, ricordo che non ricordavo più nulla tranne quel - a mio parere - meraviglioso incipit e... basta. Ho letto anche gli altri di Zafon (tanto si leggono nel giro di un giorno a testa: Marina, il gioco dell'angelo, il palazzo della mezzanotte e Il principe della nebbia) hanno tutti un elemento in comune:non ricordo la trama di nessuno.
Zafon mentre scrive mi attira, e appena smetto non ha più alcun effetto su di me. Se il libro svanisce completamente dalla memoria a distanza di pochissimi giorni, non può valere più di tanto.
Mi sa che concordo con te! (anche se non nella maniera particolareggiata come hai fatto tu, perchè i miei ricordi non arrivano fin là!)