Menu Orizzontale

sabato 19 marzo 2011

Autori per il Giappone: perché l'Arte è davvero un dono






Ieri, scorrendo i vari aggiornamenti sulla pagina principale di Facebook, sono stata attratta da un post pubblicato dall'autrice Lara Manni (Esbat, Sopdet). Non ho perso tempo e mi sono catapultata sul suo sito (http://laramanni.wordpress.com/), per imbattermi in un comunicato che mi ha bruciato il cuore di felicità e che riporto di seguito. 

L’idea mi è venuta navigando. Quasi in ogni paese, artisti visivi, musicisti, scrittori, si sono organizzati sul web per fare una donazione in favore del Giappone.  Per esempio, in Inghilterra hanno fatto questo.
Mi sono chiesta: e noi?
E subito dopo mi sono detta: facciamolo.
L’ipotesi è questa. Apriamo un sito o blog. Postiamo, in regalo, un breve testo. Un racconto, direi. Sarebbe bello che fosse legato a quanto è accaduto e accade in Giappone.  Ma, visti i tempi, andrebbe bene anche un inedito, nel caso di autori già pubblicati. Perchè a me piacerebbe estendere l’idea a tutti coloro che scrivono: fan writer, frequentatori di blog e forum sulla scrittura. Perchè questa non è l’occasione, secondo me, di dimostrare che si è bravi: ma che si può usare la scrittura per uno scopo. Anche.
Dunque. Si postano i testi e si chiede a chi legge un euro, non di più, da devolvere in favore del Giappone. Personalmente pensavo a Save The Children e/o Medici senza frontiere. Dobbiamo contattarli, ma  credo proprio  che non ci siano problemi.
Tempi: rapidissimi.
Che ne dite?
Hanno già aderito, via Facebook, tanti scrittori: Virginia De Winter, GL D’Andrea, Francesco Falconi, Fabiana Redivo, Laura Costantini, Isabella Moroni. Ma anche tanti altri attivi in rete: Caska Langley,  Francesca Baraldi, Kei Nekomata, Diana Cullen, Andrea Cattaneo, Daniela Vio Benedetti, Federica Congedo, Vincent Mancuso. Dimentico sicuramente qualcuno, ma è l’elenco che si riferisce a poche ore fa. Che ne dite?


La notizia è stata lanciata anche su Facebook, ottenendo una diffusione vertiginosa. Un numero spropositato di commenti, visite, adesioni e sostegni. La meraviglia delle meraviglie è che i primi a non esitare sono stati proprio gli autori, affermati ed esordienti, accompagnati poi dal consenso di illustratori di chiara fama, blogger, aspiranti scrittori, poeti, gente giovane e adulta che ha risposto prontamente all'appello per dare il proprio contributo artistico. Un'iniziativa che diventa testimonianza di una sensibilità accesa, volenterosa e non indifferente, disposta a donare senza ricevere. Disposta a raccontare, attraverso parole e immagine, un dramma che, se pur non fisicamente vissuto, si condivide con la vicinanza sincera e la purezza del cuore. Perché al mondo c'è bisogno davvero di chiamarsi tutti quanti... fratelli.


Per prima cosa: grazie! Mai mi sarei aspettata una risposta così veloce e così numerosa!
Per seconda cosa: aggiornamenti, subito!
Si sono uniti a noi anche gli illustratori, su iniziativa del grande Paolo Barbieri. Un gruppo di artisti ci invierà opere che pubblicheremo insieme ai testi.
Dunque, il sito si chiamerà Autori per il Giappone: dovremmo farcela per lunedì ad essere on line, grazie al lavoro dell’eroico Valberici. Ma sarà in continuo aggiornamento, dunque non ci sono scadenze per i testi.
Alcune note, ora.
Potete partecipare tutti: non ha importanza se siete autori pubblicati o fan writer o autori che scrivono per la rete. Non c’è alcun limite, neppure di forma: vanno bene racconti, poesie, fan fiction.
Potete inviarmele in formato word (possibilmente) alla mia mail: lara.manni@gmail.com.
Donazioni. Stiamo ragionando in questo modo: per essere il più diretti possibile, con ogni probabilità linkeremo direttamente ad una pagina già attiva. Vi daremo notizie in breve. Dovrebbe funzionare così: nessun obbligo, ma la sollecitazione a chi passa e legge o guarda di donare almeno un euro. In altri paesi hanno fatto così, e ci sembra una bella idea. Gli autori sono ovviamente invitati a donare per primi.
Infine. Siamo, fin qui, a venticinque testi. Ecco il primo elenco, aggiornato alle 11.30 di oggi, sabato 19 marzo.
Grazie!!!
Liam e Lara di Antonella Albano
Maiko di Jadel Andreetto (Kai Zen)
DOROTABO.Il monaco della risaia fangosa di Francesca Angelinelli
Foresta (prologo) di Stefania Auci
NUOVA GENERAZIONE di Luca Azzolini
MAYDALA EXPRESS di Pierdomenico Baccalario e Davide Morosinotto
La rondine di Elisabetta Bricca
L’azzurro oltre il bianco di Luciana Busiello
L’ultimo uomo di Tokio di Andrea Cattaneo
I put a spell on you, because you’re mine di Diana Cullen
Il venditore di umanità di Valentina Coffetti
Perché proprio io di Emy C
Noa e Momo di Alessia Esse
Ceneri di Vincent Mancuso
Prova a prendermi di Lara Manni
Non un millennio di più di Fabio Musati
Sortilegio di Mario P
Il mio amico Squitty di Annamaria Piccione
Gaijin di Guglielmo Pispisa
Ciò che conta di Carla Pivari
Watakushi di Shanmei
W di Licia Troisi
Chiamati a raccolta di Fabrizio Valenza
Solo di Maurizio Vicedomini
Silent Voice di Anna Chiara Zambello


Anche io ho inviato un racconto, non potevo non farlo. Lunedì sarà possibile consultare il sito online e qualche minuto fa è stata anche aperta una fanpage su Facebook (clicca qui). La rete si è mobilitata, marciamo in difesa dell'amore che ci rimane. Di quello che né maremoti né terremoti potranno portarci via. Nell'attesa di un domani, di un'alba che torni a far brillare il sole. Inserirò anche un banner rappresentativo nella colonna di destra del blog, affinché possiate raggiungere più facilmente il sito dell'iniziativa. 
Perché l'Arte, ricordate, è davvero un dono... 


 

4 commenti:

Dave Cappellaio Matto ha detto...

si può inviare piu di un opera? Io vorrei partecipare all'iniziativa con un racconto e una poesia

AnitaBook ha detto...

Penso proprio di sì, Dave. :)

Wastername ha detto...

Iniziativa meravigliosa.
I racconti saranno poi disponibili da leggere on-line?
Per le donazioni ho sentito che il modo più sicuro affinché arrivino a destinazione sia di contattare anche online la croce rossa giapponese. Quella italiana, inglese e americana non garantiscono al 100% la piena devoluzione dei proventi alla causa nipponica.
Buona fortuna
W.

AnitaBook ha detto...

Grazie mille Westername.
Sì, certo, i racconti saranno disponibili online a partire da lunedì.