Menu Orizzontale

mercoledì 10 maggio 2017

NOI SIAMO TUTTO di Nicola Yoon. Si può essere allergici al mondo, ma mai all'amore.

Questa è la parola d'ordine. L'amore vince qualsiasi battaglia, sempre, perché il suo è un impasto lavorato direttamente dalle mani dell'universo ed è impermeabile a tutte le intemperie della vita, persino a quelle più tragiche che soffocano lentamente e sembrano non lasciare via d'uscita. Proprio come succede alla protagonista del nuovo bestseller americano NOI SIAMO TUTTO, frutto dell'ingegno creativo di Nicola Yoon, autrice di origini giamaicane perdutamente innamorata della sua famiglia e dedita a quel tipo di scrittura dal carattere ribelle, anticonformista, che si cede ai giovani lettori per spalancare ai loro occhi smarriti le finestre del mondo e raccontare i disagi che possono essere vinti, i dolori che possono essere annullati, le solitudini abitudinarie che possono rivelarsi alleate. In Italia lo pubblica la Sperling & Kupfer e la Warner Bros ne lancerà l'adattamento cinematografico quest'autunno – 21 settembre – fiutandone tutte le potenzialità di successo. Una storia triste, in sostanza, che presenta ancora una volta una protagonista ammalata in cerca di rinascita, ma stavolta persino mettere un piede qualche millimetro fuori casa può costare caro. Perché Madeleine Whittier è allergica al mondo e la sua è un'esistenza da reclusa, in una cattività protetta dove l'aria è filtrata e i respiri misurati con scrupolosa attenzione, per verificare che siano sempre gli stessi, puliti, sani. Ma allora dove trovare la felicità se tutto è proibito? Me la sono immaginata una vita così. Ho strizzato gli occhi e ho provato a visualizzare un ambiente asettico e puzzolente di quell'odore chimico di disinfettante. Mi sono sentita morire già solo al primo rilascio di fiato. Perché poi la cosa peggiore è sapere che fuori, al di là delle mura, qualcosa c'è. Un'altra forma di vita scorre e si diverte, esplora e si incuriosisce. La tua ne è soltanto un'edizione alternativa in tiratura limitata. Sai che gioia, verrebbe da borbottare. Eppure non si è mai sconfitti in partenza. Non si è mai sconfitti e basta. E Madeleine conosce un posto, il luogo più sicuro in tutto l'universo, dove poter essere davvero libera: il suo cuore. Pronti a lasciarvi straziare il vostro? Io sì. Onestamente, non vedo l'ora.

NOI SIAMO TUTTO
Nicola Yoon (Sperling & Kupfer)
Pagine 320, 14,82€
Disponibile dal 16 maggio

Madeline Whittier è allergica al mondo. Soffre infatti di una patologia tanto rara quanto nota, che non le permette di entrare in contatto con il mondo esterno. Per questo non esce di casa, non l'ha mai fatto in diciassette anni. Mai un respiro d'aria fresca, né un raggio di sole caldo sul viso. Le uniche persone che può frequentare sono sua madre e la sua infermiera, Carla. Finché, un giorno, un camion di una ditta di traslochi si ferma nella sua via. Madeline è alla finestra quando vede. Lui. Il nuovo vicino. Alto, magro e vestito di nero dalla testa ai piedi: maglietta nera, jeans neri, scarpe da ginnastica nere e un berretto nero di maglia che gli nasconde completamente i capelli. Il suo nome è Olly. I loro sguardi si incrociano per un secondo. E anche se nella vita è impossibile prevedere sempre tutto, in quel secondo Madeline prevede che si innamorerà di lui. Anzi, ne è sicura. Come è quasi sicura che sarà un disastro. Perché, per la prima volta, quello che ha non le basta più. E per vivere anche solo un giorno perfetto è pronta a rischiare tutto. Tutto. Bestseller n1 del New York Times, e tuttora ai vertici delle classifiche negli Stati Uniti a oltre un anno di distanza dall'uscita, lo struggente e romantico romanzo d'esordio di Nicola Yoon è in corso di pubblicazione in 38 Paesi, e presto arriverà nelle sale cinematografiche l'omonimo film. Noi siamo tutto è una storia dolce e commovente, un libro destinato a diventare un cult.

2 commenti:

Libri, caffè e una manciata di ansia ha detto...

Mamma mia, scrivi troppo bene!*-*
Comunque anche io non vedo l'ora di prendere questo libro. Anzi, ti dirò che stavo per comprarlo in lingua originale, ma poi ho preferito aspettare considerando che comunque non avrei avuto il tempo di leggerlo immediatamente.

Anita Book ha detto...

E mi sa che farò così anche io, mia cara e dolce fanciulla. Speriamo di non rimanerne delusi. Le aspettative sugli YA di ultima produzione sono state quasi sempre disattese. :(